Non tutti gli open space sono uguali

L’arredamento open space deve, prima di tutto, adattarsi al tipo di spazio aperto previsto. Non tutti, infatti, sono uguali. All’interno di un appartamento, per esempio, può esserci un’area non divisa fra cucina e soggiorno, oppure un open space può comprendere locali completamente privi di pareti divisorie, spesso dedicati ad ambienti lavorativi. In alcuni casi un open space può prevedere un soppalco o la presenza di più piani. Infine, anche il monolocale dallo spazio ridotto o un grande loft ricavato dalla ristrutturazione di ex capannoni industriali possono essere considerati degli open space da destinare a uffici o ad abitazioni.

Arredamento open space: dividere lo spazio con i pannelli

Indipendentemente dal tipo di locale con cui si ha che fare e della sua destinazione d’uso, arredare un open space richiede una serie di accorgimenti. Lo spazio a disposizione, piccolo o grande che sia, dovrà comunque essere progettato tenendo conto delle differenti aree funzionali. Queste potranno essere separate tra loro proprio utilizzando elementi d’arredo come librerie, schedari o armadi. Altre soluzioni, specialmente nei locali di lavoro, prevedono raffinate pareti in vetro, ideali per creare spazi personali lasciando inalterata la luminosità dell’ambiente. Eccellenti anche le pareti divisorie attrezzate, che garantiscono ordine e risparmio di spazio, o le pareti divisorie strutturali, eleganti e ricercate. Pannelli mobili, agili e funzionali, possono garantire la privacy là dove serve.

Come disporre i mobili

Anche le tinte delle pareti o le differenti tipologie di pavimentazioni possono concorrere a dividere le varie zone all’interno di un open space. Tuttavia, arredare un unico locale richiede anche una buona capacità di disporre i mobili in modo tale da far dialogare l’estetica con la funzionalità. Sistemandoli a ridosso delle pareti si ha la possibilità di far emergere prepotentemente la principale caratteristica dell’open space: la presenza di uno spazio aperto da gestire a piacere. La sistemazione degli arredi al centro dell’area a disposizione esalta, invece, i mobili. In questo caso è quindi indispensabile che l’arredamento sia di qualità mentre il suo stile viene lasciato al gusto del proprietario.